Scegliere un cucciolo di barbone

Se decidete di accogliere un barbone nella vostra famiglia verificate prima che sia il cane adatto a voi, alla vostra famiglia e al vostro stile di vita.

Dovete capire poi DOVE andare a cercare il vostro futuro cane e quali sono le richieste che dovete fare alla persona che vi cederà il cucciolo.

In molti, in troppi, non danno peso alla scelta del cane…

L’importante è trovare in fretta un bel cuccioletto di barboncino da portare a casa. Questo è l’errore più grande e comune! Forse perché la scelta di prendere un cane si fa più col cuore che con la testa. Nel momento in cui si arriva a pensare “si lo prendo” la voglia di averlo a casa subito ci travolge. Il problema è che questa fretta ci fa saltare tanti passaggi invece fondamentali, perché ci mettono al riparo da tutta una serie di problemi futuri.

In altri articoli abbiamo parlato della selezione della razza… ecco la vostra scelta deve tenere conto proprio di questo!

Il barbone è un cane che non da problemi, soprattutto a livello di salute, se è stato ben selezionato.

Una buona selezione potete trovarla solo in un allevamento serio! Escludete negozi, allevamenti multi multi razza, e privati (perché quelli che tirano fuori cucciolate buone si contano sulle dita di una mano ed è molto difficile incontrarli).

Per cercare un buon allevamento di barboncini, invece potete consultare la lista degli allevamenti riconosciuti dall’Enci all’indirizzo internet:

http://www.enci.it/allevatori/allevatori-con-affisso?idRazzaFci=172

Dove informarsi

  • Expo

Anche andare ad informarsi a qualche Expo non è una cattiva idea. Li potrete già vedere alcuni allevatori con i loro soggetti migliori.

  • Gruppi Facebook

Oggi ci sono anche Club di Razza e Gruppi Facebook (un gruppo dedicato al Barbone, che trovo veramente bello è PoodleLife: Breed Information&Selection)dove si possono reperire tante informazioni. Per i gruppi Facebook bisogna fare un po’ di attenzione perché sono frequentati anche da sedicenti allevatori e dai famosi cagnari. I cagnari sono persone che “scucciolano” a casa senza fare nessun tipo di selezione solo per avere una entrata extra, sfruttando i propri cani) … ah chiaramente se su uno di questi gruppi scriverete che siete in cerca di un barbone verrete subissati da proposte di vendita.

Fuggite i commercianti di cani

Non si sa mai in cosa si può incappare. Esiste la tratta dei cuccioli (provenienti soprattutto dai paesi dell’Est) che muove milioni di Euro l’anno a scapito di queste povere bestiole tenute in veri e propri lagher. Riproduttori e cuccioli fanno una vita tremenda quando riescono a sopravvivere, e viaggi disumani per essere venduti al miglior offerente.

Non esiste il discorso di andare a salvare uno di questi cuccioli comprandolo perché per ogni cucciolo di questi acquistato si incentiva la tratta e si condannano a morte centinaia di altri cani.

Se volete fare una buona azione…

…esistono associazioni serie, dei “Rescue Center”, gestiti da amanti della razza, dove potete adottare soggetti giovani, adulti o anziani che per qualche motivo cercano una nuova casa.

Questo era il DOVE prendere il cane ora parliamo del…

…COME sceglierlo.

Cosa fondamentale da fare quando vi mettete in contatto con un allevatore è chiedere un incontro di conoscenza per vedere chi è che alleva e in che modo lo fa. Diffidate da chi non vi permette di vedere l’allevamento, quasi sicuramente nasconde qualcosa. Una volta entrati in allevamento guardate in che condizioni vertono i cani, se sono in un ambiente pulito e se sono ben curati.

Importante è anche accertarsi che vivano a stretto contatto con le persone perché la socializzazione del cucciolo non spetta solo alla mamma ma anche all’allevatore. Il cucciolo non deve vivere in isolamento fino alla consegna, ne va della salute psichica del cane.

Pretendete di vedere madre e padre.

Fonte: Pinterest

Là dove non fosse possibile vedere il padre perché magari non è di proprietà dell’allevatore ma è stata comprata una monta dovete comunque chiedere di vedere pedigree, foto e test genetici che attestino l’esenzione dalle principali malattie.

Date molta importanza ai test genetici dei genitori, pretendete di vederli!

La consegna.

Al momento della consegna, che non deve avvenire per legge prima dei 60 giorni ma meglio verso i 90, guardate che il cagnolino abbia una buona dentatura. Non deve essere affetto da prognatismo o enognatismo; deve avere tutti i denti, né troppi né troppo pochi. Se è un maschietto i testicoli devono essere ben posizionati. Considerate che soggetti con questi difetti sono esclusi sia dalle esposizioni che dalla riproduzione.

Il cucciolo poi deve avere libretto sanitario con le vaccinazioni fatte, deve avere il microchip, il pedigree (conta solo quello ENCI, gli altri oggi sono carta straccia), essere stato sverminato o aver fatto l’analisi delle feci per vedere che non abbia i vermi e deve essere iscritto all’anagrafe canina.

Dovrete anche pagarlo caro il vostro cane perché non esistono barboncini a buon mercato su cui sia stata fatta una buona selezione. Allevare costa e un buon lavoro va giustamente pagato!

Chiaramente se chiedete un soggetto da Expo le cifre saliranno. In un mondo perfetto il consiglio che vi darei sarebbe quello di chiederlo solo se veramente siete interessati a fare le esposizioni.  Teoricamente, un cane da compagnia selezionato da un buon allevamento non dovrebbe essere tanto diverso da un soggetto da esposizione. Le differenze dovrebbero essere solo dei piccoli particolari tipo differenze caratteriali, qualche tratto fisico o il modo di piazzarsi e di camminare…  dovreste ricevere comunque un cane che rientra nello standard e che ha tutti i sacri crismi.

Nel mondo reale, se volete un cane con tutti i sacri crismi, vi consiglio di chiedere comunque un cane da Expo. Alcuni allevatori, non tutti solo alcuni, quando pensano di trovarsi di fronte ad una persona normale che vuole il cane da compagnia si sentono autorizzati a dargli (al solito prezzo) il cucciolo che ha qualche “difetto”. Poco male se si tratta di una gobba o di un occhio a palla ma se parliamo di un testicolo ritenuto, di prognatismo o cose più gravi… bhe potrebbe essere spiacevole.

In ogni caso, direi che se avete verificato tutto questo potete prendere con una certa tranquillità il vostro cucciolo. In bocca al lupo!

Scritto da: Valeria De Filippi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.