La razza barbone e i bambini

Quando va bene nelle famiglie, prima di scegliere il compagno a quattro zampe, ci si domanda se ci sarà compatibilità tra cane e i bambini. Altre volte la scelta è casuale ma questa è un’ altra storia, noi ora pensiamo a rispondere alla domanda:

“Il barbone è un cane adatto a famiglie con bambini?”

La risposta più giusta è che il barbone in tutte le sue taglie (giusto sul toy bisogna riflettere un po’) è il cane perfetto per le famiglie con bambini.
Questo non significa che si possa inserirlo in casa, darlo in pasto ai pargoli e pensare che tutto sarà facile e ottimale…

Come tutti i cani, il barbone anche se di indole molto buona, va inserito gradualmente e vanno educati i bambini ad avere un approccio corretto.

E’ compito degli adulti di casa dedicare tanto tempo alla costruzione del rapporto tra cane e bambini. E’ agli adulti che spetta il compito di non far spaventare i bambini per l’esuberanza, i giochi violenti e i morsetti del cucciolo e lo stesso vale al contrario… il cucciolo non si deve spaventare per qualche movimento brusco di troppo o qualche approccio violento o altro da parte dei piccoli umani.

I bambini vanno molto per imitazione quindi mi sento di dire che un adulto ben formato, con un po’ di cultura cinofila, non avrà grande difficoltà ad impostare il giusto rapporto tra cane e bambini. Diversamente alcuni comportamenti sbagliati saranno proprio deleteri. Il consiglio fondamentale è

“informarsi sulla razza, informarsi sulla gestione dei cucciolo e dei cani in generale e conoscere i propri figli… perchè prevenire è meglio che curare.”

Qualche regoletta di base ve la diamo, ma l’invito è quello di approfondire ancora:

  • spiegare da subito ai bambini che si gioca con rispetto perché il cane è un essere vivente e non un giocattolo. Non è permesso tutto e ci sono dei limiti. Il cane non si sevizia , non si picchia, non si fanno gesti bruschi e non si strilla.
  • La ciotola del cane non si tocca! Il bambino per il cane sarà un pari e potrebbe non accettare una tale invasione e reagire male.
  • Non si toglie niente dalla bocca del caneneanche un giocattolo. Munite cane e bambino di più giocattoli e insegnati che se il cane ha la pallina in bocca per esempio il bambino tiri la seconda pallina. Si prende un giocattolo solo se si è sicuri che il cane non lo ha in bocca e che permette al bambino di avvicinarsi e prenderlo.
  • Il cane si tocca solo facendosi vedere per bene. Il cane che dorme non si disturba, il cane assorto in qualcosa non si disturba. Non si sorprende mai il cane alle spalle.
  • Insegnare al bambino a capire quando il cane va lasciato stare. Importante è dare al cane un rifugio, un posto dove possa ritirarsi quando vuole riposare o essere lasciato in pace. Il bambino dovrà rispettare questo spazio e questi momenti.
  • Il cane non si sposta fisicamente. I bambini spesso senza pensarci li spostano e li spingono… meglio non permetterlo.
  • Mai lasciare da soli cane e bambini. Non fare l’errore di pensare “è solo un barboncino, non può fargli niente”. Questo è sbagliato, anche un barboncino (anche il più piccolo dei cani) può fare male ad un bambino. Viceversa un bambino per mille ragioni può fare male al cane o fare qualcosa che rovinerà il loro rapporto.
  • Il cane non si isola, si considera un membro della famiglia e come tale va trattato (non parliamo di umanizzare il cane ma di trattarlo da cane ma con rispetto)

Queste sono solo alcune delle cose da fare per far sì che bambini e barboni possano vivere tranquillamente e felicemente insieme. Starà al genitore gestire bene la situazione.

Dal canto suo il barbone è adattissimo ai bambini ma se gestito male il rapporto tra loro può diventare ingestibile.

Il barboncino è quasi sempre un cane mite con una splendida indole ma va considerato un cane con la C maiuscola e non un giochino che si può dare a un bambino perché tanto più di tanti pericoli non ci sono!

Nel video qui sotto potete vedere un esempio di un bellissimo rapporto che si è costruito in qualche mese e l’inizio di una divertentissima attività sportiva, l’agility dog!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.