Definizione di “cagnaro”

Quando sento “lo ho preso da un privato” mi viene sempre da chiedere…

“da un privato o da un cagnaro?”

È una domanda che non viene capita perché la maggior parte delle persone definisce “privato” chiunque fa nascere i cani in casa.

Per me un “privato” è:

Colui che, per amore, fa fare una cucciolata nella vita alla sua/o cagnolina/o per tenersi un figlio. Non lo fa per lucro e neanche per risparmiare. Con amore cercherà una famiglia ai cuccioli che non potrà tenere, ma ho visto tanti tenere tutta la cucciolata perché troppo doloroso darli via. Questo che vuol dire? Vuol dire che le cucciolate costano, e il privato si accollerà tutto quello che deve, per far partorire in sicurezza il suo cane e far nascere cuccioli belli e sani. Qui non entro nel merito del pedigree o non pedigree, per me il discorso è più sanitario. Chiaro è che senza pedigree saranno nati dei “simil barboncini”. Diversamente un privato che fa una buona cucciolata casalinga può far avere senza problemi il pedigree a tutti i suoi cuccioli.

Tutti gli altri sono cagnari.

  • Quelli che fanno fare più di un parto.
  • Quelli che vendono chiedendo più di un rimborso spese, anche qui con o senza pedigree per me è uguale.
  • Quelli che non fanno i test genetici.
  • Quelli che non seguono con le dovute cure il proprio cane durante la gravidanza.

Quelli che… importa solo quello che guadagneranno grazie al loro cane.

Dite un po’… che differenza c’è con il venditore dell’est? Per me la differenza sta solo nella quantità di cuccioli mossa in un anno!

Spero fuggirete i cagnari e cercherete invece selezionatori della razza… privato, allevatore amatoriale o grande allevatore… vi auguro di incontrare amanti della razza che vi possano garantire un cucciolino sano!

Scritto da: Valeria De Filippi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.